La presentazione ufficiale del progetto Blue Resolution


Party in grande stile per la presentazione del progetto Blue Resolution, nel verde delle colline toscane tutti i protagonisti hanno mostrato a stampa, ospiti e stakeholder step e finalità dell’iniziativa.

Location d’eccezione, un posto in collina, bellissimo e suggestivo, per parlare dei fondali marini. Il convento di Giaccherino, perla architettonica che ha origini nel Quindicesimo secolo, guarda dall’alto le valli pistoiesi e domina con sicurezza un panorama unico.

“Ci voleva uno sguardo alto, che desse l’idea della prospettiva, per far capire la lungimiranza di una collaborazione, quella con l’Istituto Sant’Anna di Pisa, da parte di un produttore di food surgelato”, spiega così Maurizio Arbi la scelta di ambientare nel Convento di Giaccherino la presentazione di Blue Resolution.

Al cospetto di stampa, aziende, stakeholder istituzionali e imprenditoriali, e con la partecipazione di un selezionato parterre di ospiti illustri, Arbi ha presentato il progetto Blue Resolution, dando voce ai protagonisti Marcello Calisti e Cecilia Laschi; alla presentazione anche Marco Frey, direttore del Master in “Gestione e Controllo dell’Ambiente”.

“È stata l’occasione per condividere non solo asset e obiettivi del progetto – fa sapere Alessandro Arbi – ma anche l’impegno concreto dell’azienda: Arbi ha avuto il coraggio di mettere in discussione le proprie dinamiche produttive sulla base di principi di etica ambientale e ha scelto di essere diversa. Energia pulita, meno plastica, nuovi processi più efficienti, investimenti, sono il risultato della nostra riflessione. Si tratta di azioni onerose che non hanno ritorno economico ma valoriale: non possiamo fuggire alle nostre responsabilità verso il pianeta e la salute delle generazioni future”.

Musica, cin-cin e chiacchiere sino a tarda notte per la serata che, dopo le relazioni, è proseguita all’insegna della colloquialità e del piacere di stare insieme.